Il primo anno conduco i miei giovani soggetti setter e pointer su selvatici veri ed impegnativi ( come la nostra coturnice ) e cerco di testare la loro venaticità.
Tantissimo moto in montagna e in collina per rafforzare muscoli ed articolazioni e per trovarsi a tu per tu con i SELVATICI.
Soltanto gli individui con elevato discernimento venatorio supereranno il test e verranno indirizzati verso la cinofilia agonistica , ancor più se eleganti, espressivi e di andatura composta.
I cani con alte capacità venatiche ma leggermente meno eleganti negli atteggiamenti li destino alla caccia cacciata contribuendo in tal modo a 

rendere felici i cacciatori isolani .
Le fattrici del mio allevamento devono avere come prima caratteristica fondamentale l’elevata predatorietà , quindi alto coefficiente venatico inteso come utilizzo semplice e  redditizio a caccia.
Prima di iniziare l’impostazione sul terreno esigo una esecuzione sistematica e precisa dei comandi fondamentali di ubbidienza, compreso il riporto.
L’impostazione sul terreno dovrebbe risultare facile per quei soggetti di spiccate capacità intellettive riuscendo subito a collegare il vento direzionato sulle narici con l’agevolazione a captare l’usta dei selvatici. La precocità a saper utilizzare il vento è anch’essa un parametro utile alla mia selezione.

La coturnice rappresenta un selvatico difficile da trattare. Il cane che blocca a terra le brigate di coturne è di sicuro un soggetto pregevole.

Yuma e Ambra ancora giovanissime in ferma e consenso su  coppia di coturnici.

Ruanda in ferma espressiva su coturnice:

Volo dopo ferma : Coturnici in volo dopo essere stata fermata dai  cani:

Zilai delle Drose in ferma su coppia di coturne:

Altro volo di coturnice :

Zilai delle Drose e Fram, ferma e consenso su brigata di coturne :

Alcuni scatti effettuati da amici durante l’addestramento su cotorne . Terreni duri che mettono a dura prova garretti e polpacci di uomini e cani. 

Una coturnice su un masso immortalata dall’obiettivo.

Mentre si sottraggono di pedina :
Altre coturnici a terra :
Un nascondiglio naturale sulla sciara lavica :
Un’altra su diversa morfologia di territorio :

Le praterie, le sciare e i poggi rocciosi habitat ideali per la coturnice in Sicilia...

Cambiare continuamente i territori di allenamento  abitua  i cani ad adattarsi a qualunque tipologia morfologica di ambiente  e aumenta le possibiltà d’incontro della  selvaggina.

Ferme e consensi di un gruppo di cani giovani in addestramento su coturnice.

Due giovani pointer a coturne tra i cardi selvatici. Questa vegetazione tipica in alcune zone della nostra Sicilia rappresenta un deterrente  per i cani infastiditi dalle foglie particolarmente pungenti … I cani che cercano con passione tra i cardi non curanti delle spine , palesano senso venatorio e resistenza alle sofferenze.

Gli escrementi delle coturnici tradiscono la loro presenza...

Dalla loro consistenza e grandezza si può capire se sono state sul posto  da poco e se si tratta di soggetti giovani o adulti

Ultima cucciolata

Ultima cucciolata


   

Gianluca Geremia